Accesso al pannello di amministrazione dell'eshop >> (Questo messaggio lo vedi solo tu!)
Stevia's

La Stevia

 

La Stevia Rebaudiana Bertoni è una pianta erbaceo-arbustiva officinale spontanea, della famiglia delle Asteraceae, originaria delle montagne fra Paraguay e Brasile dalle molteplici peculiarità, anche se principalmente conosciuta ed utilizzata per il suo potere dolcificante.

In questa pagina cercheremo quindi di conoscere in modo più approfondito la Stevia, iniziando da un po' della sua storia:

In epoca precolombiana la Stevia era conosciuta dagli indigeni Guaraní come «Ka’a he’ê» (Erba dolce) ed utilizzata per addolcire il sapore amaro del Mate e come pianta curativa.

Secoli dopo, nel 1797 il botanico Antonio José Cavanilles creò il genere Stevia sulla base di quattro specie messicane, giunte all’Orto botanico di Madrid grazie alla Real Expediciòn Botànica a Nueva España, dedicandolo al botanico Pedro Jaime Esteve.

Nel 1899 il botanico Mosè Giacomo Bertoni catalogò per la prima volta la pianta, dandole inizialmente il nome di Eupatorium rebaudianum, in onore del chimico paraguayano Ovidio Rebaudi, che fu il primo ad analizzare chimicamente la pianta. Bertoni classificò ben 250 varianti della pianta.

Nel 1931 i chimici francesi M. Bridel e R. Lavielle isolarono per primi le molecole che rendono la Stevia dolce, oggi conosciuti come Glicosidi Steviolici.

Nel 1940 circa inizia l’utilizzo delle foglie nell’industria alimentare del Sud America.

Dal 1970 i giapponesi hanno condotto approfondite analisi e ricerche sulla Stevia, riscontrando che il suo utilizzo era completamente sicuro.

Nel 1971 avvengono in Giappone i primi usi commerciali della Stevia.

Nel 2008 l’organizzazione americana FDA (Food and Drug Administration) ha conferito all’estratto di Stevia ad alta purezza lo stato di GRAS (Generally Recognized As Safe) consentendone l’utilizzo in cibi e bevande.

Nel 2011 l’EFSA (European Food Safety Authority) approva l’utilizzo dei Glicosidi Steviolici in cibi e bevande.

Le sue caratteristiche

 

La Stevia è commestibile ed idonea al consumo animale ed umano ma viene prevalentemente utilizzata per i suoi principi attivi (Glicosidi Steviolici) dal potere fino a 350 volte più dolcificante del comune zucchero, le foglie possiedono anche diverse proprietà medicinali e se assunte tutti i giorni  sotto forma di tisana, hanno queste proprietà:

Ideale per chi soffre di Diabete in quanto regolarizza i valori glicemici attraverso il Pancreas        che stimola la creazione di Insulina. 

Antinfiammatoria ed antidiarroica

Acariogena – Previene le infezioni gengivali e le carie dentali

Previene le forme enteriche ed agevola le funzioni gastrointestinali

 Dieta – Masticando un a foglia prima di pranzo o cena diminuisce il senso di fame

Ipotensiva – Agisce regolarizzando la pressione sanguigna

Antibatterica

Non ha calorie né indice glicemico

Aiuta a diminuire le vampate in menopausa e i dolori pre-mestruali 

Per smettere di fumare basta masticare una foglia ogni volta che c'è il desiderio di sigaretta

FONTE: eustas.org

Risulta inoltre dalle analisi chimiche che le sue foglie contengono anche: Ferro, Fosforo, Calcio, Sodio, Potassio, Magnesio, Zinco, Rutin (un flavonoide), Vitamina A, Vitamina C ed un olio che contiene a sua volta 53 diversi elementi.

I Glicosidi Steviolici

 

Come accennato in precedenza, Glicosidi Steviolici è il nome generico delle sostanze dolcificanti estratte dalla pianta di Stevia. Dall'elevato potere dolcificante, variabile a seconda del tipo di sostanza, gli Steviosidi e i Rebaudiosidi sono in grado di dolcificare da 40 a 350 volte in più del saccarosio.

Queste sostanze compongono circa il 10% in peso delle foglie a secco ed a loro volta, i più comuni ed utilizzati in ambito alimentare, Stevioside e Rebaudioside A sono circa il 70% del totale. Il Glicoside Steviolico con il miglior potere dolcificante (circa 350 volte lo zucchero) attualmente disponibile è appunto il Rebaudioside A, disponibile in commercio con una purezza fino al 98%.

Nel corso degli anni la Stevia è stata oggetto di numerosi studi ed analisi, in seguito a questi il consumo di Glicosidi Steviolici è stato approvato e regolamentato dalla FDA e dall'EFSA. Al contempo la FAO (Food and Agriculture Organization) e il WHO (World Health Organization) definiscono la DGA (Dose Giornaliera Accettabile) in 4mg/kg di peso corporeo al giorno.

Per i nostri prodotti, abbiamo scelto di utilizzare Stevioside e Rebaudioside A di prima scelta : vengono estratti mediante un processo del tutto naturale, escludendo raffinazione sintetica o sbiancamento come avviene nella produzione di molte sostanze dolcificanti. Il processo infatti prevede l’estrazione in acqua e Bio etanolo con successiva evaporazione dell’alcool. Si passa poi ad una serie di filtri con carboni vegetali che permettono al nostro prodotto di presentarsi sotto forma di una leggera polvere di colore bianco panna, che mantiene tutte le sue proprietà, i suoi benefici e il suo aroma, naturalmente.

Stevioside e Rebaudioside A sono entrambi privi di calorie e zuccheri, difatti non modificano l’equilibrio glicemico (indice glicemico: zero). Questi componenti inoltre hanno un’ottima resistenza alle alte temperature e quindi ai fenomeni di fermentazione.

Ciò garantisce la loro conservazione per un lungo periodo di tempo e di conseguenza la possibilità di utilizzarli nelle più svariate preparazioni alimentari.

Legislazione Europea

 

Non tutti i Glicosidi Steviolici sono ammessi come edulcoranti in ambito alimentare, con il Regolamento (UE) n.231/2012 l'Europa ha definito le specifiche, classificandoli come E960.

Ecco quali sono le caratteristiche principali dell'E960:

Deve contenere il 95% minimo di Glicosidi Steviolici ammessi, in qualsiasi combinazione e rapporto.

I Glicosidi Steviolici ammessi in alimentazione sono 11 (ultimo aggiornamento 10/2016): Steviolo, Steviolbioside, Rubusoside, Dulcoside A, Stevioside, Rebaudiosidi A, B, C, D, E, F e M.

Il Regolamento (CE) n.1333/2008 tratta le possibilità di utilizzo dell'E960 nell'industria alimentare. All'interno del documento si può notare che le quantità permesse sono molto basse, generalmente intorno allo 0,02-0,03% (200-300mg/kg o mg/l di E960), ma spesso sufficienti allo scopo data l'estrema dolcezza dei Glicosidi Steviolici.

Come usare l'estratto di Stevia

 

Dosare l'estratto di Stevia può sembrare molto complicato dato il suo altissimo potere dolcificante, per questo, se seguirete i nostri consigli non avrete nessuna difficoltà nel preparare ottimi dolci senza zucchero!

Il nostro consiglio è lo stesso che viene dato per il sale: si fa sempre in tempo ad aggiungerla piuttosto che a toglierla. Calcolare fin dall'inizio l'esatta quantità di estratto di Stevia che richiede la ricetta aiuterà molto.

Un esempio: In una torta classica, con un contenuto equivalente in zucchero di 175 g, andrà utilizzata una quantità di 0,5 g di estratto di Stevia. Il rapporto da utilizzare per l'equivalenza è di 35 g di zucchero = 0,1 g di estratto di Stevia. Ricordate che potrete aggiungere un po’ di amido di frumento o della granella di nocciole per sostituire il volume dello zucchero che viene a mancare.

Per agevolare l'utilizzo, le confezioni di estratto puro in polvere Stevia's offrono pratiche soluzioni per un preciso dosaggio. Trovi tutti i nostri prodotti nella sezione Dolcificanti.

La Stevia esalta i cibi e non ne copre il sapore: quindi vi succederà di sentire per prima cosa il vero sapore dell’alimento in cui la inserite, poi subentrerà il sapore dolce e delicato della Stevia. Imparerete ad apprezzare di nuovo il vero sapore degli alimenti, affinerete il vostro palato e vi abituerete ad un nuovo gusto del dolce che vi farà passare la voglia di zuccheri.

Vi consigliamo di provarla con: Alimenti acidi, Spezie (Cannella, Cardamomo, Zenzero, Anice stellato, Chiodi di garofano), Frutta fresca, Farine integrali, Farina di  grano saraceno, Burro, Limone, Arancia e Cacao. Le nostre ricette preferite le trovate nel nostro ricettario, inviato in omaggio con ogni acquisto.


Per qualsiasi perplessità o informazioni non esistate a contattarci, saremo felici di rispondere ad ogni dubbio o richiesta, anche con il supporto di un medico nutrizionista.

Le recensioni dei nostri clienti

Vedi tutti i feedback